« Carnevale 2011: costume bambino da Zio Michele???? | Main | La simulazione ideale... GARRACO »

Intervento militare in LIBIA? Favorevoli VS Contrari

Lo so... certi argomenti "seri" su questo blog stonano....
Però, nel mio piccolo, mi interesserebbe molto capire cosa pensano gli utenti di questo blog in merito all'attualissimo problema internazionale della LIBIA.

Visto le risorse libiche in ambito petrolifero, i possibili rischi del dopo Gheddafi, il problema dell'immigrazione...VOI, siete favorevoli o contrari ad un possibile intervento militare in Libia da parte di una forza internazionale?

Copia di libia_intervento_.jpg

NB che nessuno parli di troiate tipo libertà e solidarietà per il popolo libico o del nord d'africa... non si tratterà MAI di una missione di PACE ma di una invasione strategica dell'area.
GRAZIE a tutti quelli che voteranno o commenteranno questo post.

Comments

Mi piace molto quello che hai scritto a piè pagina.Conocordo.Sono contraria all'intervento militare in modo assoluto.Sono favorevole all'intervento di volontari, medici ed infermieri.E sono molto preoccupata per gli strascichi che la situazione avrà per il nostro paese.

Ghia

Bravo Gianni, io sono favorevole all'intervento armato dobbiamo solo essere molto bravi nel porci a livello di politica internazionale in modo da avere un ritorno economico a fronte del prezzo in vite umane che un'eventuale intervento comporterà (non uso il condizionale ma il fturo proprio perchè ritengo che non sia un se ma un quando).
Bisogna essere consapevoli che se tutti i popoli della terra vivessero in democrazia e libertà il nostro pianeta collasserebbe, personalmente mi ritengo fortunato a far parte della porzione "occidentale" del pianeta.

Abbiamo un sacco di italiani, là. Ostaggi di tutti. Gente nostra in grave pericolo.
Per ora la prima e unica cosa da fare è stare allineati e coperti dietro al governo: piaccia o non piaccia Berlusconi, solo lì c'è il massimo possibile di informazioni per decidere il da farsi.
Astenuto. E pronto a votare qualunque cosa decida il Cav., indipendentemente da tutto.

comunque vada sarà un distastro. gheddafi è un porco e i rivoltosi fanatici musulmani. 'nnamo bene....

comunque vada sarà un disastro. gheddafi è un p*rco e i rivoltosi fanatici musulmani. 'nnamo bene....


p.s.: gianni basta con 'ste censure! ho perfino dovuto mettere un asterisco!

Chissà che censura... :-)

si capisce benissimo il concetto.

saluti e grazie

Intanto se si andasse li' con una forza armata italiana , lo si farebbe a sostegno di Gheddafi per ripristinare la dittatura appena crollata, ma considerato che l'ONU sta dichiarando lo stato di crimine verso l'umanità, non è più pensabile sostenere un regime come d'altra parte non lo è mai stato.
non ci saranno problemi di immigrazione nel nostro paese, si sta parlando di un popolo che nonostante la guerra civile in agguato grazie a quel pazzo di gheddafi, si sta riassestando sul proprio territorio. e non esiste guerra, in quel paese l'unica minaccia è il dittatore che ora sta organizzando un esercito di mercenari per distruggere l'opposizione, ricordiamo che nemmeno il suo esercito lo sta supportando, i suoi militari piuttosto che agire sotto suo comando,si fanno uccidere. Auguriamoci che l'ONU intervenga in tempi brevi e smettiamola di rimanere non informati e stupidi dietro alle spalle di un cretino come il primo ministro.

giorgia, nel tuo commento ci sono almeno 2 grossi errori. 1) non ci saranno problemi di immigrazione: falso. 2) le defezioni all'interno dell'esercito regolare sono una minima parte.

ribadisco: comunque vada sarà un disastro. si ha da scegliere tra un dittatore ed un regima fondamentalista.

leggo con interesse il commento di Giorgia... e sorrido... :-)
forse non è chiaro il concetto; hai dimenticato la questione Nr.1: PETROLIO.

e poi forse non hai seguito la politica degli utilimi 30 anni... TUTTI i leader politici europei hanno "lisciato" Gheddafi... e negli anni '80 fu un italiano a salvarlo dagli americani... fu un certo Bettino C. che di certo non era espondente di destra.

quindi perdonami, ma questo è un problema che non ha colore politico.

saluti

Allora accadrà come in Iran, ma non credo ci siano gli stessi presupposti, la NATO sta intervenendo e non credo che la rivolta sia stata portata avanti solo da fondamentalisti. Inoltre non vedo per quale motivo presupporre che io non conosca della questione petrolio o del sostegno che il nostro paese ha sempre dato, per ragioni storiche ed economiche alla libia, il discorso era più generico e gli altri post si muovono su questioni basse ed ignoranti, l'aver spostato il discorso su altri piani non mi obbliga a diventare una treccani di politica internazionale. per rispondere a gianni mercuri: non ho dato colore politico ai fatti, è stato fatto nei precedenti post...che lasciavano carta bianca al cav. ...

Cara Giorgia grazie per il tuo commento.

saluti

grazie a voi per la dispiacevole conversazione,
rimango turbata dal post di simone e di marco, mi accorgo poi di non essere tagliata per partecipare ad una discussione online.
saluti

perché? :-)
se tutti litigassero costruttivamente vivremmo in un mondo migliore.

Un saluto

Giorgia, in questo blog si discute alle volte (vorrei ricordare l'infinita polemica sul nucleare) e di solito non si arriva mai a nulla, nel senso che ognuno resta della sua opinione.E questo è il bello delle discussioni, non c'è un depositario della verità assoluta, ognuno ha la sua.

Ghia

qualcuno ha chiamato?

forse ti sei confuso con il citofono!

:-)

saluti

Serve un dottore per lo squilibrio mentale? eccomi eccomi, fate largo.. partecipo anche io.

Cara Giorgia, rimaner turbate per delle semplici opinioni differenti dalle tue? "dispiacevole" (spiacevole) discussione? Anche se a volte la discussione non è piacevole questa è la caratteristica del confrontarsi (anche dal vivo e non solo online), vediamo di non "perdere l'equilibrio" per così poco, poichè se perdi l'equilibrio per una semplice discussione chissà cosa dovrebbe fare una persona davanti ad un problema reale.. ad esempio decidere di morire per Gheddafi o contro Gheddafi; quello sarebbe un bel problema davvero davanti al quale perdere il controllo ;) Ad ogni modo anche se tu non predenti di essere la Treccani della Politica evitiamo forse di fare dei discorsi un po' "low level" tipo bar e poi arrabbiarsi.
Benchè l'italiano medio pendi di essere esperto di tutto (60 milioni di CT della Nazionale, 60 milioni di sommeliers etc... 60 milioni di grandi amatori... potrei continuare all'infinito...) LOL
In ogni modo ecco la mia opinione: per parlare di politica bisognerebbe essere un po' informati...
Tutti hanno leccato il culo a Gheddafi (destra, sinistra, centro, sopra e sotto) e sono stati incapaci di gestire con polso la questione (parte delle accise della benzina che noi paghiamo finisco a gheddafi come debiti di guerra)...
La stragrande maggioranza delle guerre fatte (99,9%) e che si fanno avvengono per a) interessi economici b) interesse politici/militari c) interessi culturali/religiosi (che nascondono i punti a e b assieme).
Poi... le guerre hanno un gioco eco-sistemico negli equilibri di sviluppo socio-economici umani (e ci siamo dentro tutti).
Gheddafi è un pazzo, come tanti altri su questo pianeta ed è stato difeso da molti potenti della terra ;).
La rivoluzione nord-africana è scoppiata probabilmente grazie ad un aiutino di sobillazione dell'occidente (altrimenti non sarebbe mai partita).
Intervento o non intervento? in ogni caso pagheremo con le nostre tasche le conseguenze.
Ad ogni modo poiche lo psico-nano non m'interessa, dovrebbe semplicemente andarsi a far processare e smetterla di farci fare la figura dei cioccolatai in giro per TUTTO il pianeta.
Fate l'amore e non la guerra.

ah.. un'altra chicca di disinformazione e manipolazione televisiva... il bombardamento con gli elicotteri di gheddafi forse un falso... nessuno l'ha visto, non ci sono registrazioni e pochi cadaveri rispetto ai 10.000 annunciati a gran voce dai nostri giornali. che sia una spinta dell'opinione pubblica per rendere l'intervento militare più accettabile alla popolazione occidentale? andiamo tutti a destituire il cattivo tiranno!

Vi ricordo inoltre che la caduta di Saddam, non è stata per nulla sostenuta dal popolo che chiedeva la rivoluzione. andate a cercare le VERE riprese dell'abbattimento della sua statua in piazza, scoprirete che hanno partecipato 4 gatti (le trasmissioni occidentali invece mostravano una nutrita folla - ripresa da più punti diversi per farla sembrare molta)

ah... mi sovviene un'altra chicca... la liberazioni delle donne afgane dal burca e dal maschilismo cultural-religioso... subito dopo l'allontanamento delle forze di occupazione la maggiorn parte delle donne si è rimesso immediatamente il burca (a dire il vero poche se lo erano tolto)... per paura? no per modello culturale poichè convinte che fosse giusto. Vi consiglerei di rileggervi Orwell che fa sempre bene di questi tempi :)

"Bisogna essere consapevoli che se tutti i popoli della terra vivessero in democrazia e libertà il nostro pianeta collasserebbe, personalmente mi ritengo fortunato a far parte della porzione "occidentale" del pianeta."

La frase non rende il merito all'opinione, vorrei che fosse spiegato meglio a beneficio di chiunque, se possibile grazie.

"Per ora la prima e unica cosa da fare è stare allineati e coperti dietro al governo: piaccia o non piaccia Berlusconi, solo lì c'è il massimo possibile di informazioni per decidere il da farsi."

Tipo quando Chamberlain non si rese conto che Hitler mentiva e di seguito tutte le scelte che seguirono, anche se in quel frangente gli italiani c'entrarono poco se non nel seguito?

"questo è il bello delle discussioni, non c'è un depositario della verità assoluta, ognuno ha la sua."

Partecipo altrove a dialoghi propositivi in cui l'ego di nessuno prende sopravvento, trovo che sia un ottimo esercizio in assenza di verità assoluta. Trovo sopratutto che, data la mancanza di quest'ultima, la cosa più importante non sia la meta ma il percorso nella ricerca di una verità che nessuno dovrebbe imporre.


Torniamo all'attualità: credo che un intervento militare vada contro l'interesse internazionale. Trovo Sun Tzu avesse ragione quando scrisse che i migliori generali sono quelli che ottengono una vittoria senza nemmeno muovere una truppa. Dietro queste manovre ho il presentimento che ci sia la massoneria inglese e americana con una bella manovra di intelligence e a favore della mia tesi metto l'uso del fantoccio ONU. L'Italia è relegata a ruolo di spettatore sempre secondo la mia opinione e dico purtroppo in quanto abbiamo forti e strategici interessi laggiù a parte i trattati di amicizia che stavamo rispettando solo unilateralmente (per esempio su wikipedia si cita che avrebbero dovuto abolire una festa nazionale ed invece non lo hanno fatto).
A mio avviso l'interesse maggiore è di fornire all'Africa uno strumento di autonomia dalla Cina che laggiù ha fatto shopping ed ha riaperto il problema delle materie prime per cui negli Stati Uniti si sono riaperte delle miniere che fino al 2010 erano antieconomiche ed antiecologiche da riaprire. Quindi il vero nemico in questo momento è la Cina e le sue strategie informatiche e belliche ed egemoniche a livello sommerso e globale. I motivi a mio avviso non sono solo questi. Menzionerei il Kosovo ed altre cose ma mi fermerò qui anche dopo aver letto altri commenti, magari di Giorgia: da un dibattito (le discussioni sono altre cose) c'è sempre da imparare, anche parlando di culi temporanei ^_^ .

Ad ogni modo grazie Gianni per questi scorci in mezzo ad altri più seguiti ;)

Grazie per i commenti di Camillo, ma soprattutto per il commento dell'amico anonimo che mi pare abbia una visione molto in linea con la mia... :-)

questo blog è ogni giorno una sorpresa anche per me.

Speriamo che la discussione non finisca qui...

GRAZIE a tutti

mi mancava la massoneria.

Ahhaha Adriano stavo pensando la stessa cosa!!

Ghia

@ Giorgia:
Il fatto che tu rimanga turbata dal mio post ci può anche stare, non tutti sono pronti per affrontare un discorso in cui si mettono delle vite umane su un pistto della bilancia e il denaro sull'altro, mi dispiace strapprti dal mondo dei sogni e di conseguenza turbarti, comunque bnvenuta nel mondo reale.
La cosa che non mi va è che tu dica che il mio post si muove su questioni basse e ignoranti.
A parte la mancanza di rispetto su cui sono anche disposto a soprassedere ti volevo solo confermare che effettivamente NON se pronta a partecipare a una discussione on line, ma forse ti dirò di più, non sei proprio pronta a partecipare a una discussione.

Cordialmente.

Simone,
se qualcuno si permette di mettere sul piatto della bilancia DELLE VITE UMANE e i soldi allora c'è qualcosa di molto sbagliato nei valori fondamentali che gli hanno insegnato. Senza poi contare il fatto che a te, all'Italia e ai nostri soldati che morirebbero in guerra, del petrolio in più non cambierà di certo la vita (ma la cambierà alle persone che uccideranno per prenderlo). Ti consiglio di esprimere certe opinioni solo dopo MOLTI esami di coscienza, mettendoti nei panni delle persone dalle cui vite vuoi strizzare petrolio.
L'opinione pubblica, le uscite come la tua, aiutano soltanto i potenti (quelli che ci guadagnano veramente) ad essere legittimati a fare i loro interessi.

E anche secondo me il tuo post si muove su questioni basse, dovuto alla tua ignoranza di come funziona veramente il mondo (e funziona che a te, lo ribadisco, non viene un soldo in tasca per quel petrolio).
Forse tutti vorremmo sentirci un pò "grande imprenditore" e a volte ci spingiamo a pensare come se dovessimo fare scelte da grandi statisti, ma non abbiamo le informazioni necessarie a giustificarle. Sempre che mettere sul piatto della bilancia la vita di persone come me e te sia giustificabile per qualche fine.

Concludo dicendo che preferirei 100mila persone come Giorgia che non se la sentono di mettere su due piatti della bilancia vita e denaro piuttosto che una sola persona come te che si affretta a dare l'appoggio a chi dalla guerra ha solo da guadarci.

Per Gianni:
Caro Gianni, ti ribatto solo su questo: se è vero che sia destra che sinistra hanno dato in qualche modo il proprio appoggio a Gheddafi, solo questo presidente del consiglio è in affari DIRETTAMENTE ed indirettamente attraverso molte società con lui ed i suoi figli.

bellissimo commento Nik.. io personalmente ne farò tesoro e farò mie alcune parti.

"solo" alcune parti però! :-)

grazie

intanto a tutti noi piace andare in macchina ed avere il riscaldamento in inverno.... bene, sappiate che delle persone sono morte e altre stanno soffrendo a causa di ciò. e ora? che fate? spegnete il riscaldamento?

è sempre una questione di bilanci, anche terribili come quello tra soldi e vite. tutti noi li facciamo, anche tu quando accendi il termostato.

Nik, forse non sono stato chiaro, io non intendo dire che sia giusto soppesare virùte umane e soldi, sto solo dicendo che nel mondo reale è così. Con questo non voglio dire che io sia d'accordo ma resta comunque un dato di fatto, se questo significa fare ragionamenti di basso livello o ignoranti allora sono ignorante.
Credo che continuare a vivere in un mondo dove gli ideali più alti la fanno da padroni aiuti soltanto a distaccarsi dalla realtà. questo però non vuole assolutamente dire che gli ideali non servano o non vadano sostenuti con tutte le nostre forze. Mi sembra che Adriano abbia centrato la questione. Le persone come te e Giorgia sono bravissime a sostenere il mondo perfetto fino a quando non ci sono dei sacrifici concreti da fare.

Carissimi tutti, sono contento (ti chiedo perdono Gianni) che questi argomenti rubino un po' di spazio alla gnagna di welovemercuri, mi sento orgoglioso, ma per poco :), dell'umanità qui presente ;).

Mi piacerebbe però che gli amici commentatori italiani di questo blog, così come tutti gli altri si allontanassero un poco dal modello culturale di appartenenza pregno di moralismo ed ipocrisia, magari... scusatemi se mi permetto un commento un po' forte... bisognerebbe slegarsi dai modelli ideologici tipici della cultura italiana ed iniziare a ragionare sulle cose giuste e sbagliate a prescindere dalla propria campana di appartenenza. Oggi si parla dei "rottamatori" di chi vuole innovare la politica, ma credo che l'unica innovazione possibile e vera e mi appoggio all'esempio della democrazia anglosassone (e di molti altri paesi occidentali) dove a prescindere da chi vince il mandato è fatto nell'atto di governare per il bene di un paese.
Qui invece in italia il modello (e si vede anche nelle discussioni dei post ;) ) l'importante è aver ragione o "battere l'avversario", c'è solo scontro e non incontro, e questo è un modello trasversale all'idea politica. La vera innovazione? iniziare la demolizione dei campanili italiani. Pace all'anima di quel santo uomo del Signor G. che cantava "destra e sinistra" e analizzava con umile intelligenza l'identicità dei movimenti italiani le cui differenze stanno solo nella superficie dell'immagine. L'unica vana speranza è che se una "popolare" (del popolo) e "volgare" (del volgo) Emma (cantante di Maria de Filippi in Amici) è riuscita, anche se con parole semplice, a riconoscere che oggi è necessario abbandonare i concetti ideologici partitici per muoversi verso una forma di esistenza più elevata, forse se questo pensiero arriva anche alla gente comune, abbandonando gli altopiani dei radical chic, forse un nuovo risorgimento può arrivare.. vana gloria.. vorrei dei nuovi partigiani italiani, come adesso nel popolo fratello africano, che lottano sprezzanti della loro vita, o dalla loro disperazione, che agognino una vita più degna. Svegliamoci per il nostro bene, abbandoniamo i fardelli ideologici e culturali per nuova vita, possibilmente migliore.

1) non c'ho capito un casso

2) quel poco che ho capito non c'entrava un casso col post

vabbe NWL sarò per la prossima volta nè ;)

Facile per voi, magari eravate contrari anche ad un intervento in Yugoslavia, e si è visto cos'è successo a Vukovar e a sarajevo prima dell'intervento. Quando la diplomazia fallisce, l'uomo spara, e che vi piaccia o meno la guerra in Libia esiste già da un mese, si tratta solo di veder se lasciar fare al dittatore o dare una mano agli insorti, che NON sono fanatici islamici. Qualche volta aprire gli occhi non farebbe male, che ci nsinao interessi dietro si sam, ma nonimporta molto a questo punto.

Post a comment